Amici

Ieri un amico mi ha detto: ma perché non scrivi più sul blog?


TRIO E VIENTO by Sabine Meyer

 

Allora oggi ho pensato di scrivere sull’amicizia.

Passo la mia vita continuando a parlare con le persone. In ogni modo. Telefono, chat, email. A volte le incontro. Abbastanza raramente. Tre o quattro volte all’anno.

Fa parte del mio lavoro. Parliamo di affari. Si vende, si compra.

Però oltre a questo sento  che, quasi sempre, c’è un filo che ci lega. Una sintonia, una complicità.

Qualcosa di più del semplice “Ne hai? Quanto vuoi? Fai un po’ meno! Mandane tre!”

Quando i rapporti sono più amichevoli spesso crescono anche gli affari, ma non sempre.

Ma almeno si riesce a divertirsi facendo due chiacchiere, sfottendoci un po’, volendosi bene.

Per molti anni abbiamo avuto due cani a casa. Cioè, ne avevamo uno, Viento, ma un giorno è tornato dalle sue passeggiate solitarie portandosi un’amica. Un cane bianco, dolce, con l’aria un po’ smarrita.

E nessuno ha avuto il coraggio di chiuderle la porta in faccia. Così, per molti anni, Viento e Gringa hanno fatto parte della famiglia.

Gringa by Sabine Meyer

Avevano una intesa speciale. Ricordo che li chiamavo, per farli tornare a casa, loro si scambiavano un’occhiata densa e rapida, e poi … Via! Scappavano via con una corsa forsennata, giocando e mordicchiandosi in continuazione durante la corsa. Erano davvero amici.

Poi un giorno Viento non è più tornato a casa. Non abbiamo mai saputo perché e per come. Gringa è rimasto il nostro cane. Anche se la mancanza di Viento si è sentita a lungo.

Spesso l’amicizia non ha bisogno di parole, è una questione di intesa. E l’intesa è una faccenda più epidermica.

Ma torniamo al mio amico di prima.

E’ un “ragazzo” che cerca di dedicare un poco del suo tempo all’impegno sociale. Ci mette il cuore. Ha fondato l’Associazione I Care e, quando può, organizza iniziative, convegni, conferenze.

Adesso si impegna molto per il referendum sull’acqua, chissà perché non si impegna per il nucleare, però adesso è così.

Con Marco spesso litigo. Bonariamente, che  ci vogliamo bene, ma ci capiamo poco.

Ad ogni modo cercherò di trovare la possibilità di condividere parte delle mie esperienze, di trovare energie per sviluppare progetti e iniziative, perché alla fine la nostra esperienza possa essere utilizzata anche dagli altri, anche se il tempo dei sogni e delle grandi speranze è già finito …

Ma le trasformazioni hanno sempre tempi molto più lunghi del nostro desiderio, che avrebbe sempre aspettative magiche.

Come l’amicizia, una magia unica, che si arricchisce della diversità.

Be Sociable, Share!

Facebook comments:

2 pensieri su “Amici

  1. L’amicizia è proprio quel legame che permette di di avere discordanze ma non offendersi mai.
    I cani…per me sono il massimo.
    Cristiana

Usa un indirizzo email valido e raggiungibile. Grazie