Contestano Schifani, ma sparano sulla Sinistra !

Lettera aperta a Grillini e Popolo Viola!

Tutti a casa = tutto come prima

Non sono certo un sostenitore di Schifani e nemmeno del PD che ha tanti limiti e tante carenze.
Ma viviamo in un sistema dove la realtà elettorale ci IMPONE di scegliere tra due schieramenti.
Tertium non datur, o meglio, ci sono delle strade (im)possibili e VIOLENTE di sovvertire lo Stato.

Sarebbe ora che parliate chiaramente: NON ACCETTATE LE REGOLE ISTITUZIONALI?
NON RICONOSCETE QUESTE REGOLE COME LEGITTIME?

Benissimo, ne avete il sacrosanto diritto!

Ma in tal caso dite CHIARAMENTE che volete sovvertire l’ordine (PSEUDO) DEMOCRATICO con l’uso della forza.
Non nascondetevi dietro un qualunquista “Questo è solo l’inizio” !!!
Cosa vuol dire?
La fine a cosa ci porta?

Perché se il vostro programma è raccogliere per via elettorale qualche misero punto percentuale per disturbare la sinistra (o il PD) che magari sinistra non è più, ditelo CHIARAMENTE.
Siete tra quelli che aiutano le DIVISIONI e, pertanto aiutate il potere nel continuare tranquillamente con il SOLITO DIVIDE et IMPERA.

In questo senso abbiamo già abbastanza PARTITINI DISTURBATORI !

Allora: un po’ di serietà!

A che gioco state giocando? Alla manifestazione con i NUMERI GRANDI per sparare cazzate e raccontare che siete UN MILIONE?

Siete DAVVERO CONTRO BERLUSCONI ?

Allora lavorate per UNIRE una SINISTRA che sconfigga BERLUSCONI.

Certo che la SINISTRA si può criticare, ha fatto tanti errori e continuerà a farli.

Ma una distinzione NETTA e PRECISA va FATTA.

C’è una sinistra DEBOLE e una DESTRA BERLUSCONIANA che fa SICURAMENTE gli interessi di pochi a scapito di TUTTI.

Possiamo fare un passo alla volta?

Considerando che BERLUSCONI ha a disposizione una potenza di fuoco MEDIATICA incredibile, vogliamo continuare a offrirgli su un piatto d’argento occasioni per aggrapparsi all’ANTICOMUNISMO, al SENSO CIVICO, al RIFIUTO DELLA VIOLENZA (anche verbale) e tutte queste cose?

Vogliamo presentare alle prossime elezioni una dozzina di liste di sinistra (o pseudo-tali) che buttino nel cesso qualche milione di voti UTILI per sconfiggere BERLUSCONI?

O volete IMPUGNARE LE ARMI?

Ditelo chiaramente!

Oppure smettetela di vivacchiare tra una manifestazioncina e una provocazione!

Smettetela con la stronzata del PDL e PDmenoL !

Smettetela con le bambinate e iniziate a fare i conti con la realtà! Che è brutta e triste, ma forse INSIEME a MOLTI ALTRI, riusciamo ancora a trasformarla.

Se volete proprio un comico, guardate a Roberto Benigni! Un gesto vale più di mille parole gettate al vento!

Be Sociable, Share!

Facebook comments:

25 pensieri su “Contestano Schifani, ma sparano sulla Sinistra !

  1. Qui siè superato il diritto a contestare e ci si è incamminati verso l’apologia dell’arbitrio di far chiudere la bocca a chi la pensa in modo diverso
    La parola d’ordine è diventata Zittire l’avversario. In questo caso Dell’Utri e Schifani. Ma con questa logica sarà difficile stabilire il limite da usare. E la storia ci insegna che quando nel far tacere qualcuno, a destra sanno essere assai efficaci con l’olio di ricino e il manganello

    Dopo Dell’Utri, Schifani. Far tacere l’avversario politico: la logica pericolosa dell’arroganza tramutata in diritto

  2. PDL e PDmenoL non è affatto una stronzata dato che queste due formazioni la pensano allo stesso modo sulle questioni più importanti come il precariato, l’ambiente, le grandi opere, le basi militari, le missioni di guerra, le privatizzazioni. Avere un sistema che ti costringe a scegliere solo fra questi due vuol dire che la democrazia ormai è andata a puttane.
    Concordo che impedire di parlare a chicchessia è veramente brutto ma bisogna anche tenere conto che si tratta di una reazione a chi ogni giorno esercita arrogantemente dall’alto della propria posizione il potere nei confronti dei cittadini. Chi si rifiuta di ricevere i precari, chi manganella i terremotati, chi ricatta gli operai e non concede praticamente spazio alla voce di queste persone sui canali d’informazione principali è un fascista. E se aggiungiamo che a questi fascisti non si contrappone alcuna opposizione credibile (nella sostanza) si giunge da parte di molti alla conclusione che viviamo in un regime.
    E’ inutile quindi sdegnarsi ipocritamente se le conseguenze sono queste.

  3. Essere contro il governo è più che legittimo. Ma dire BUGIE non serve allo scopo.
    Tu dici che è tutto uguale, vero Roberto?
    Pesco un articolo a caso sui PRECARI – dichiarazioni di Ignazio Marino – PD:

    ***
    SCUOLA: MARINO (PD), SOLIDARIETA’ A PRECARI IN SCIOPERO FAME

    (ASCA) – Roma, 30 ago – ”Se il buongiorno si vede dal mattino, ecco cosa aspetta la scuola italiana, con la prima campanella dell’anno in programma tra una manciata di giorni: ancora una volta banchi pieni di bambini e ragazzi, ma vuoti di professori, con pochi fondi e tanto caos. Nei giorni in cui il Ministro Gelmini insiste nel disperato tentativo di convincerci che 8 miliardi di tagli rendono la scuola migliore, la mia solidarieta’ va ai precari palermitani in sciopero della fame e a tutti i lavoratori precari del settore che, con queste forme estreme di protesta stanno difendendo, insieme alla propria dignita’ professionale, la scuola pubblica del nostro paese”. Cosi’ Ignazio Marino, esponente del Partito Democratico, sulle agitazioni di questi giorni nel mondo della scuola. Il senatore si rechera’ domattina alle 10:30 presso il presidio di Piazza Montecitorio, per portare la propria adesione alla protesta.

    ”Oggi e’ Palermo, Pisa e Trapani – afferma Marino – domani saranno Milano, Firenze e Modena: ci sono 27mila persone senza lavoro e altrettante famiglie che convivono con lo spettro della poverta’, ma insieme a loro meritano rispetto anche milioni di bambini e ragazzi italiani, sulla cui formazione questo esecutivo continua a non investire.

    Evidentemente il futuro del paese non era compreso nel programma di governo”.
    ***
    http://www.asca.it/news-SCUOLA__MARINO_%28PD%29__SOLIDARIETA__A_PRECARI_IN_SCIOPERO_FAME-944787-ORA-.html

    Vedi Roberto, appiattire la politica nel “TANTO SONO TUTTI UGUALI” apre le strade alle dittature …

    Ciao ciao

  4. A fare chiacchere sono buoni tutti. Ma ormai le chiacchere stanno a zero. Il governo Prodi si è posto in perfetta continuità con il precedente di centro destra, soprattutto sui temi che ho elencato, tanto è vero che la sinistra è uscita distrutta da quella esperienza ed ha perso completamente la sua credibilità. Ed è questo il motivo per il quale oggi non c’è più opposizione. La legge elettorale basata su un truffaldino bipolarismo che non lascia spazio alla nascita di vere alternative ha fatto il resto.
    Siamo in dittatura.

  5. Caro Roberto, se fossimo in dittatura né tu né io potremmo scrivere in questo spazio.
    E’ facile dire DITTATURA! Certo, il pericolo esiste, ma grazie a quelli come te si aggrava.
    La legge elettorale è debole, ma con essa dobbiamo fare i conti, o vuoi IMPUGNARE LE ARMI?
    Dillo chiaramente, allora!
    Guarda caso il DEBOLISSIMO governo Prodi è stato massacrato anche da GRILLO, ben sapendo che saremmo caduti dalla padella alla brace.
    Con Berlusconi i V-Day non si sono più visti … Un caso?
    Bel risultato veramente!
    A proposito, ti ho mandato una email di verifica, visto che la regola nel blog è di avere un INDIRIZZO E MAIL VALIDO E RAGGIUNGIBILE per commentare.
    Per favore rispondi alla mail, altrimenti sarò costretto a non pubblicare i tuoi commenti.
    Non amo discutere con gli anonimi, ho imparato che fanno soltanto perdere tempo.
    Spero che non sia il tuo caso.
    Ciao

  6. Mi sembra che tu ti fermi troppo alla superficie delle cose. Cosa vuoi che importi di quello che possiamo scrivere io e te qui in uno sperduto angolo del Web. La sostanza delle cose è che nelle sedi istituzionali che contano non viene data la possibilità (o almeno si fa di tutto per contrastarla) di sviluppare un punto di vista e conseguentemente un’azione politica che sia alternativa a quella del pensiero unico dominante. E cioè quello del liberismo economico e del filoatlantismo inginocchiato. Pensiero unico al quale i signori del PD e i loro predecessori si sono venduti anima e corpo dopo il crollo del muro. Forse non te ne sei accorto ma questa gente sta con Marchionne e la Confindustria non con la Fiom e gli operai di Pomigliano.
    Quanto a Grillo, si potrà discutere sull’opportunità o meno delle sue scelte politiche, ma tacciarlo di essere una quinta colonna berlusconiana, beh questo sì che fa sorridere. Almeno lui qualcosa di sinistra è rimasto a dirla e forse sarà anche l’unico che alle prossime elezioni riuscirà a piazzare qualche parlamentare non intruppato nel pensiero unico nonostante le leggi elettorali truffa.
    E c’è un’ultima cosa che voglio dirti e dopo mi taccio perchè tanto vedo che non sono gradito: ogni volta che Berlusconi è caduto ed è stato sostituito dai suoi sedicenti avversari, questi hanno operato talmente bene da favorirne il ritorno più forte di prima. Nel ’94 vinse di poco, nel 2001 con una maggioranza ben più robusta e nel 2008 ha stravinto. Questo vorrà pur dire qualcosa o no? E quindi bene fa Grillo a mettere il dito nella piaga di gente che di alternativo in concreto non ha nulla.

    P.S. Alla tua email ho dato la conferma. Cosa pensavi che ti dessi un indirizzo tarocco? E per quale motivo mai?

  7. perche’fare riferimento alla lotta armata come alternativa all’accettare supinamente questa opposizione
    perche’attribuire all’interlocutore responsabilita’ di una eventuale deriva autoritaria?
    perche’citare una dichiarazione di marino e non i provvedimenti presi nel momento in cui la sinistra ha governato
    mi sembra lei abbia fatto tesoro delle tecniche che che descrive ne “La tela del grillo”

  8. Guarda Roberto che Grillo si rifiuta di schierarsi a sinistra. E poi uno come lui che censura a tutto spiano sul suo blog ha ben poco da parlare di libertà di espressione.
    In effetti non fa altro che cercare di impedire a qualcun altro di parlare.
    Scusa per la verifica, ma ne ho visti tanti di anonimi che rompono le scatole … Non sei fra questi, meglio così.
    In politica non occorre tanto guardare alle chiacchiere, ma ai risultati.
    In pratica l’idea che in Italia ci siano stati i governi di sinistra che abbiano rovinato tutto è un falso propagandato da Berlusconi cui alla fine crede gente anche come te …
    Non c’è mai stato un governo appena un po’ robusto di sinistra, se non vogliamo pensare che Craxi fosse di sinistra e lo stesso Prodi era un vecchio democristiano appena appena un po’ a sinistra, con una maggioranza sempre sulla lama del rasoio.
    Eppure si continua a parlare del governo Prodi come se fosse stata la dittatura del proletariato …
    Berlusconi ha davvero ipnotizzato tutti, e dove non riesce lui ci pensano Grillo e amichetti viola …
    Che tristezza…

  9. Gentile Giovanni Marchesi,

    non si tratta di accettare supinamente nulla, ma di rispettare il diritto di parola di tutti, ovvero le regole democratiche, o cercare di calpestarle.
    Se si ipotizza che siamo in una dittatura e che ci hanno tolto tutte le libertà, allora la Storia ci insegna che non ci sono strade diverse dalla rivolta popolare.
    Ma se vale la pena discutere e dialogare dobbiamo TUTTI rispettare alcune regole.
    Non c’è, secondo me, una terza possibilità.
    Noti che posso anche rispettare chi mi propone la ribellione armata. Però deve essere chiaro e conseguente e non gettare un sasso e nascondere la mano.
    Spero di essermi spiegato.
    Per quanto riguarda la deriva autoritaria è proprio ciò che otterremo se continueremo a rafforzare la destra con continue emorragie dello zerovirgolaqualcosa …
    Sugli sbagli della sinistra, o meglio dei governi di centro-sinistra possiamo discutere, certo ci sono stati e tanti.
    Però mi sembra che con la gente di sinistra sia più possibile dialogare che non con gli attuali protagonisti. Certo i cambiamenti possono essere lenti e non si può pretendere che un governicchio con una maggioranza di 2 parlamentari proclami il socialismo in cinque minuti.
    Bisogna sempre fare i conti con le forze in campo che, al governo o all’opposizione, hanno comunque il controllo di moltissimi strumenti di pressione, dalle TV ai preti, dai soldi alle donnine … etc etc
    Chi lavora per dividere la sinistra, oggettivamente non fa altro che aiutare Berlusconi …
    Questi sono i fatti. Il resto è tutta chiacchiera!

  10. Io qui ho letto la parola “sinistra”.
    Ma per sinistra intendi il PD?
    Ah …

    E, tanto per chiarire non sono un grillino, anzi li trovo patetici

  11. Concordo con Giosby anche se, in questo caso, bisogna vivere di speranza, e si sa chi vive sperando muore……, per esempio bisogna sperare che il centro-sinistra faccia tesoro dello sbaglio di cui alla dichiarazione di Violante alla Camera (non dello sbaglio di averlo detto naturalmente), e che una volta al potere faccia veramente le riforme di cui abbiamo bisogno, ma è difficile da credere viste le esperienze precedenti e gli atteggiamenti che tutt’ora tiene, perchè se bisogna cambiare per non cambiare niente allora tanto vale andare avanti così.

  12. Grazie Rossano, speriamo speriamo.
    Anche se …

    se mai si vincerà si andrà al governo e non “al potere”
    se mai si vincerà sarà una sinistra senz’altro molto inquinata

    Comunque … andare avanti così NON CE LA FACCIO PIU’ !!!

  13. Mi trovo d’accordo su quello che hai scritto, andare contro tutto e tutti non porterà da nessuna parte, anzi porterà al stabilità al potera di questra destra per di più, prigioniera della lega..

  14. Sai Alfonso, i termini destra e sinistra sono relativi.
    Purtroppo l’asse centrale italiano è alquanto spostato a destra e perciò nella sinistra si include anche il PD.
    D’altra parte quando ero ragazzo si tacciava il PCI di revisionismo e sembrava un nemico quasi peggiore della DC.
    Le cose non sono poi tanto cambiate …
    Non ti pare, sono soltanto scivolate sempre più a destra …

  15. Ciao, Giosby, accidenti il tuo blog mi ha “catturato” sono al terzo commento consecutivo. Complimenti, argomenti molto interessanti.

    Su questo post avrei 1200 cose da dire.
    Che mi consideravo di destra e poi ho scoperto che non ero più o che non lo ero mai stato (boh)
    Che poi ho scoperto Beppe Grillo ed i meetup che mi ha fatto conoscere tante tematiche nuove (ambiente, decrescita,legalità…)
    Che poi frequentando i meetup ed ascolatndo meglio Grillo ho scoperto che se le tematiche erano molto interessanti e quasi sempre le condividevo, i METODI erano molto spesso assai poco democratici e c’era quasi un rapporto tra “santone” e suoi “fedeli”…. sentivo gli altri che dicevano…l’ha detto Beppe, quindi DEVE ESSERE VERO… Per non portare il cervello all’ammasso da una parte si rischiava di portarlo dall’altra
    Poi ho visto il popolo Viola, un insieme di persone unite solo dalla voglia di buttar giù dal trono il berlusca, troppo poco però per costruire qualcosa
    Detto questo, tanto per chiarire le mie posizioni (attualemente lavoro per raggruppare tutte le liste civiche autonome dai partiti tradizionali) andiamo alla sinistra.
    Quale sinistra?
    Sono poche le differenze tra questa destra e questa sinistra.
    Alcuni esempi, tra i tanti:
    – legge sulle intercettazioni, ci aveva provato il governo prodi, l’approva il governo berlusconi
    – legge censura -blog: ci provano da anni tutti i governi, di centro destra e di centrosinistra
    – privatizzazione delle municipalizzate e dell’acqua IDEM
    – costruzione di inceneritori – si al nucleare IDEM
    – I furbetti del quartierino prolificano con tutti i governi e con tutti gli schieramenti
    – i conflitti di interessi, a parte quello ENORME di Berlusconi, sono quotidianamente dotto gli ovvhi di tutti ed interessano la destra e la sinistra
    – idem la corruzione, interessa trasversalmente i due schieramenti
    – idem l’atteggiamento da CASTA (tralascio gli esempi, nma volendo sono innumerevoli)
    – Le privatizzazioni delle aziende pubbliche, con ricchi regali a pochi (in)prenditori sono state fatte dai governi di centrodestra e centrosinistra (da telecom ad alitalia passando per autostrade ecc ecc)
    Naturalmente ci sono anche delle differenze, e ci mancherebbe altro.
    Quello che fa sì che il PD sia in realtà PD meno ELLE è che rappresenta la CASTA allo stesso modo che la rappresenta il PD (cespugli e cespuglietti di entrambi gli schieramenti inclusi)
    Ecco perchè a mio avviso occorre uscire dalla (il)logica PD-PDL per creare un movimento che raccolga la parte sana del apese, quella delle associazioni territoriali, dei comitati, dei gruppi di cittadini attivi, che non voglio fare politica per la poltroncina ma per difendere gli interessi dei cittadini, cosa che il PD, manifestamente NON FA.

    Infine, anche se sono per la legalità, mi spaventa un po’ questa deriva giustizialista, come quella delle contestazioni a Schifani, anche se Schifani ha un passato non proprio limpido.

    Infine ripeti che “non bisogna dividere la sinistra” .. ebbene io dico che “non bisogna dividere i cittadini attivi ed onesti” al di la delle ideologie. Tra l’appoggiare un politico corrotto della sinistra o un politico-non politicante che viene dal mondo della rete, non avrei mai dei dubbi e non penserei mai che “si stà dividendo la sinistra”. La sinistra, quella che pensi tu, NON ESISTE…

    Ciao e scusami lo “sproloquio”…
    Alex
    anzi, visto che sono al terzo post, mi firmo per intero
    Alessandro Lunetta

  16. Ciao Alex. Grazie per i tuoi contributi.
    Ci sono punti nei quali il nostro pensiero è molto simile, altri sul quale colgo qualche divergenza e su questi vorrei puntualizzare alcune cose.

    Vedi anch’io tre anni fa mi sono avvicinato a Grillo, fin quando ho visto agire la CENSURA ed ho iniziato a rifiutare un modo ancor più sporco di fare politica.
    Abbindolare il prossimo e fare tanti soldoni.
    Grillo in parlamento non ci va perché rischia di dover anche lavorare, mentre con poca fatica riesce a portare a casa un reddito plurimilionario. Chiamalo stupido …

    Tu affermi che non c’è più differenza tra destra e sinistra.
    E’ un discorso che affrontavo tre anni fa, quando scrivevo sul meetup e poi ho finito scrivendo La Ragnatela del Grillo.
    Se puoi accedere ai MEETUP puoi leggerlo ancora QUI
    Oppure nella “Ragnatela” al capitolo 13

    ***
    Non ho inventato io certe categorie, servono a tutti per orientarci nel mondo.
    Destra richiama conservatorismo tradizionalismo, nazionalismo e reazione

    Sinistra
    ha a che fare con progressismo, riformismo, socialismo, uguaglianza sociale, comunismo e anarchismo.
    Far finta che queste categorie non esistano è pura ipocrisia, è in
    definitiva QUALUNQUISMO! Anche se le generalizzazioni non mi piacciono,
    ma bisogna pur avere qualche punto di riferimento.
    ***
    Ecco allora che i punti di riferimento nella storia servono, per mantenere una direzione, una rotta.
    Poi i corrotti e le mele marce sono dappertutto.
    Ho visto che hai partecipato alle elezioni in Lazio con una lista civica.
    Il risultato: hai tolto voti alla Bonino.
    Vuoi dirmi che tra Bonino e Alemanno non cambia nulla. No, non posso essere d’accordo.
    Cambia, eccome!

    Purtroppo i passi bisogna farli GRADUALMENTE e oggi come oggi bisogna fare una scelta di campo tra DUE schieramenti.
    Questa è la realtà! Non si scappa.
    Vuoi giocare al PDmenoL? Farai un favore alla destra.
    Il che non vuol dire che non si possa criticare il PD, ci mancherebbe altro. Ma soltanto che occorre tenere ben FERMA la barra del timone.
    Se fossimo decisi almeno su un piccolo particolare, piccolo ma sostanziale, da lì in poi potremmo forse iniziare a fare qualche progresso, togliendo un po’ alla volta anche le mele marce.
    Anche perché, raccontiamocela tutta, la mentalità clientelare in Italia ce l’abbiamo un po’ tutti e certe cose non si cambiano da un giorno all’altro, ma occorrono forse le generazioni …
    Per il momento ciao!

  17. Guarda, solo a proposito della Bonino, gente come Bucci, Esterino Montino, Di CArlo, che in caso di vittoria avrebbe preso i posti di maggiore responsabilità in giunta sono il peggio del peggio della politica, come probabilmente lo sono quelli che hanno vinto. La Bonnino storicamente è sempre stata, ipocritamente, “non contraria a priori”, come dice lei stessa, ad inceneritori e nucleare, tante per dirne due, a caso. Sull’acqua pubblica, i radicali sono da sempre le le privatizzazioni ad oltranza…insomma..sinistra a chiacchiere…

    Continuando a ragionare con le etichette abbiamo accettato tutta la melma possibile immaginabile…

    Non è la bandierina che si portano appresso che li rende migliori..E’ per questo che ci siamo presentati come RDC ed è per questo che continueremo a cercare di aggregare tutte le forze veramente sane della politica anche in futuro.

    Ti faccio altri due esempi, tanto per dirti come la penso: Se la politica fosse quella fatta nei comuni Virtuosi evviva la politica.

    Vincenzo Cenname, sindaco di Camigliano, ha avuto il commissariamento del comune perchè invece di conferire a discarica, come voleva la legge, DIFFERENZIAVA OLTRE il 70% !!!

    Angelo Vassallo, sindaco di Pollica, è stato ucciso dalla camorra. Ex PD, eletto con una lista civica, ha per 15 anni governato creando un nuovo modo non solo di governare ma anche di vivere come cittadinanza. Prova ad andare ad Acciaroli, sembra di stare in Svizzera, e invece sarebbe campania…

    Ecco ti ho fatto l’esempio di due persone che provengono dalla sinistra (una PD e una anche più a sinistra) che hanno fatto un percorso che mi piace assai e che condividerei tranquillamente. Decrescita, comuni virtuosi, sono temi di sinistra o sono temi di buonsenso.
    Non credo che abbiano fatto cose di sinistra o di destra ma cose giuste.
    Il fatto è che deve tornare il BUONSENSO nella politica, sostituendo le ideologie sorpassate.

    Ebbene, se la sinistra fosse questa, evviva la sinistra… peccato che il 90% del PD (e soci) è composto da veri politicanti che hanno scelto una bandierina invece che un’altra…

    Comunque, non pretendo di avere verità assolute (anzi diffido di chi ce le ha) e mi piace discutere su argomenti concreti e su quelli cercare aggregazioni anche politiche.

    Comprendo le ragioni di chi come te, è sempre stato di sinistra e vede una visione di vita della sinistra “migliore” di quella di destra. i regimi più “conservatori” sono anche quelli più “rivoluzionari”, il mito dell’uguaglianza sociale ha portato ai gulag, tutte le “utopie” hanno portato a dittature e al tradimento degli ideali.

    Io, per quel che mi riguarda, non voglio però giudicare niente e nessuno, nè le idee altrui, mi piace però scendere dalle alte disquisizioni ideologiche e parlare di fatti concreti: disoccupazione, crescita-decrescita, sovranità politica e monetaria dei cittadini, ambiente, welfare, trasparenza della politica, legalità ecc ecc .. parliamo dei temi concreti, secondo me è meglio, onde evitare gravi equivoci ideologici.

    Se siamo d’accordo sulle cose concrete, perchè dividerci sulle ideologie?

  18. Caro Alex,
    non sono così addentro nelle questioni laziali e non conosco le persone che hai citato.
    Sarà anche vero ciò che scrivi.
    Però bisogna anche essere concreti e fare un passo alla volta.
    Presto o tardi andremo a votare.
    Se non si troverà un punto di accordo per far confluire tutti i voti su una lista che combatta la xenofobia, i conflitti di interesse, le enormi diseguaglianze sociali corriamo il rischio di restare ancora per molto tempo in balia di questa destra orribile e della lega.
    Se trovi un faccendiere raccogli le prove e denuncialo, di destra o di sinistra che sia.
    Questo lo può fare qualunque cittadino.
    Ma se non avremo più strumenti per poter fare neanche questo, addio democrazia.
    Allora bisogna solo unirsi su POCHI e SEMPLICI temi.
    E smascherare i BUGIARDI, che sono ovunque.
    Le micro liste civiche, con tutto il rispetto, in fin dei conti, non conducono da nessuna parte.
    Entriamo nelle organizzazioni che già esistono e partecipiamo lì!
    Stimoliamo, critichiamo, tutto quello che vuoi.
    Ma quando quella benedetta crocetta comporta un futuro, anche leggermente, differente, pensiamoci 3 volte prima di disperdere un votino per semplice amore della purezza.
    Potrebbe essere un errore che poi non potremo più correggere.

  19. Credo che molte persone si siano rese conto che l’atteggiamento del PD non è solo debole, accondiscendente, inefficace, ma è una linea coscentemente presa per non contrastare Berlusconi, e spartirsi il potere in una alternanza di governo che non dia fastidio a nessuno di loro (PD e PDL).
    E’ risaputo che ci sono accordi fin dal 1994 per non penalizzare le televisioni di Berlusconi (http://www.youtube.com/watch?v=R1ayeOvurxE).
    E’ del resto evidente come il governo Prodi non abbia fatto nulla per il conflitto di interessi.
    E’ anche evidente che tutte le vicende di corruzione (processo Mills) o mafia (Mangano, Dell’Utri) che riguardano Berlusconi, che sarebbero un potentissimo argomento di opposizione, non vengono mai tirati fuori dal PD.
    In questo scenario molte persone cominciano a pensare che una sinistra sincera, onesta, efficace, debba per forza passare al di fuori del PD. Questo naturalmente va contro una “sinistra unita” e rende quindi le cose molto più difficili. Ma non sto scrivendo per indicare soluzioni, sto scrivendo solo per cercare di descrivere la situazione.

  20. Ciao Marko.
    Il PD è un miscuglio di persone, un grande partito con tante anime. Ci sarà tra di loro qualche corrotto, ma ci saranno anche molte persone che non sopportano più Berlusconi e che hanno voglia di rinnovare questo paese ormai alla frutta.
    In politica le parole forse contano poco, ma questo intervento di Bersani a me è piaciuto.
    Come mi è piaciuto questo intervento di Franceschini.
    Il PD è sicuramente in difficoltà, ma è anche bersagliato da destra e da sinistra.
    E’ praticamente il bersaglio preferito di tutti.
    Mi piace Nichi Vendola, ma poi scopri che finanzia Don Verzè per costruire un ospedale a Taranto e rimango un po’ basito!
    E allora?
    Neanch’io ho la soluzione in tasca, ma sono convinto che, se non si riesce a creare una convergenza generale su pochi punti accettabili da tutta l’opposizione, si regalerà ancora il paese ai soliti furbi.

  21. Piano con le “sparate” e con le “mezze stagioni”!!!!
    Il discorso “non ci sono differenze tra destra e sinistra” lo può fare solamente chi è DELUSO e sta a SINISTRA.
    Le differenze sono chiare e lampanti, su ogni argomento.
    Immigrazione, scuola, famiglia, esteri, interni, amministrazione, solidarietà, diritti… qualsiasi cosa.
    Su questo stesso blog avevo enunciato chiaramente una GROSSA differenza di base tra sx e dx.
    SX: tutti gli uomini nascono uguali e con uguali diritti.
    DX: tutti gli uomini nascono diversi e con diversi diritti.
    Digli poco…

  22. Poi il fatto che io sono di destra e voto PD, è una questione che non cambia di una virgola quanto ho scritto sopra.
    Ciao Giosby, tutto bene?

  23. Posso dire che palle? Sempre le stesse cose! Non dico in questo blog, ma in generale. all’infinito a parlare di pd, pdl, sono uguali, no sono diversi. A me viene solo da notare che l’unica reazione a sto schifo sono popoloviol-travaglin-grillini. Che c–o!!!

  24. Che palle, certo.
    Mi sa che noi vediamo soltanto un teatrino continuo, con i tempi giusti, la suspense, il brivido, il totoelezioni, le statuette volanti, Cesare e Bruto, dacci oggi il nostro scandalo quotidiano, per chi suona la campana e via via via.

    Siamo in pochi interessati, senza tempo, senza energie, senza soldi, senza le capacità di organizzarsi.

    A quel punto arriva un ciarlatano a fare bau bau e allora iniziamo a dire che è meglio di niente.

    Peccato che sia un furbino peggio degli altri. Mi spiace, ma a queste “reazioni” che cercano il colpo di scena e producono un ottimo reddito non ci credo più.

    Lo ripeto: se uno pensa che per cambiare le cose occorra la violenza, lo dica chiaramente.
    Magari ha anche ragione …

    Ma se butti il sasso e nascondi la mano, allora che vadano al diavolo.

    Anche perché ammesso che ci sia una soluzione pacifica, democratica, elettorale, questi fanno solo disturbo.
    Quali sono le proposte Silvia? quali le soluzioni?
    Non possiamo continuare a dipingere una realtà che non esiste.
    Il calcio interessa più della politica, tutto lì.
    Con buona pace di destra sinistra e centro …

  25. Proposte, cercare di comportarsi nel miglior modo possibile. Condividere quando si può, non chiedere “favori”, richiedere sempre lo scontrino quando si fanno spese, aiutarsi tra “vicini”, etc.
    Insomma cercare di non lamentarsi tanto per e provare fattivamente a piccoli passi. Non cambia il mondo per questo, ma magari a poco a poco …

Usa un indirizzo email valido e raggiungibile. Grazie