Natale, a volte, è un’emozione.

Natale è una lacrima per una stupida cravatta,

un’altra lacrima per qualcuno che non c’è più

e per qualcuno che forse non ci sarà domani,

come tutti noi.

Quando domani è un giorno come un altro

che comunque arriverà,

anche se, a volte,

specialmente essendo giovani,

che la fine sembra così lontana

da sembrare impossibile,

invisibile e irraggiungibile,

ci facciamo male inconsapevoli,

che il rischio sembra soltanto

il pepe della vita.

Volersi bene è una conquista,

non è un automatismo.

Andiamo tutti verso la morte,

ma forse possiamo ancora usare

differenti velocità

per il nostro emozionante viaggio,

cercando di renderlo

delizioso e infinito.

Be Sociable, Share!

Facebook comments:

Usa un indirizzo email valido e raggiungibile. Grazie