Paolo Barnard: un’utopia come un’altra?

Mi piace leggere Paolo Barnard.

Lo trovo interessante, stimolante. Una voce stonata in un coro monotono.

Seguo il suo sito e i suoi aggiornamenti chiedendomi comunque: dove andrà a parare?

Cosa comporta il suo nichilismo? Il suo sguardo disincantato su un mondo che ormai sembra non promettere più niente di buono? Se non una vincita al Superenalotto dove sembra che la gente investa sempre di più?

Credevo che si fosse semplicemente arreso ad una realtà opprimente, mentre l’articolo che ha pubblicato oggi mostra che mi sbagliavo di grosso.

Paolo ha le sue proposte per “UN MONDO FINALMENTE PIU’ GIUSTO”

Egli vorrebbe combattere il CAPITALISMO DEI BENI DI CONSUMO. Ecco come:

“Ora, per arginare una macchina mostruosa di queste dimensioni e di questa potenza, c’è una sola strada:

– Studiarla a fondo.

– Formarci in un esercito di attivisti compatto, disciplinato.

– Capire che cosa, in questo periodo della Storia, innesca il cambiamento, quale vettore, quale tipo di interazione umana. Individuare queste chiavi di svolta con precisione, così come si isola una molecola benefica.

– Studiare di conseguenza una comunicazione immensamente abile per attirare l’attenzione del mondo della GENTE COMUNE.

– Studiare i metodi per rendere la comunicazione gradevole ma penetrante.

– Diffonderci nei luoghi della gente comune, implacabili, pazienti, tutto l’anno, per tentare di creare un consenso opposto a quello oggi dominante usando quei metodi attentamente studiati.

– Essere molto ben finanziati, cioè cercare e ingaggiare sponsorilluminati’ capaci di vedere il vantaggio di lungo termine di un mondo più giusto.

– Sapere che è una strada in salita, poiché si tratta di invitare milioni di persone a scelte impopolari, a rinunce, a mutazioni di stili di vita importanti, e a saper vedere però la convenienza finale di un mondo più in equilibrio.

– Mettere da parte le differenze che separano i nostri gruppi che formano il Movimento, cioè rinunciare ai nostri individualismi per un fronte comune, unico, compatto, disciplinato, implacabile di attivisti al lavoro ovunque, sempre, con linee guida universali, sempre le stesse e i metodi di cui sopra. Cioè cambiare il consenso dei popoli, verso la rinascita del primato del Bene Comune. Per un mondo finalmente più giusto.

Non c’è altra strada. Non c’è.”

Io purtroppo non vedo possibilità nella strada da lui indicata.

Non credo alla possibilità di una organizzazione compatta, capace di eliminare divisioni al suo interno, di trovare FORTI FINANZIAMENTI (dove se non dal capitalismo?) e capace di trovare una forma di comunicazione che colpisca il cuore della gente per cambiare anche comportamenti e atteggiamenti.

La storia non l’ho mai vista cambiare così.

L’egoismo è sempre stato prevalente.

I cambiamenti importanti sono sempre costati morti e feriti.

Siamo tutti (o quasi) generosi se circondati dall’abbondanza, ma siamo pronti ad uccidere se il pezzo di pane che sta fra di noi è l’ultimo rimasto per sopravvivere.

Questo aspetto è ormai remoto, ma è una parte della natura umana di cui non dovremmo dimenticarci.

Ma allora quali soluzioni? Una strada in salita dice Paolo Barnard. Ma chi la sceglierebbe?

Siamo tutti consapevoli che i regali di Natale

sono uno stupido omaggio al consumismo, eppure nessuno è capace di rinunciarvi. Chiunque si sente triste se non ha un pacchettino incartato e infiocchettato da mettere sotto un alberello o una semplice candelina.

Eppure questo rito che è ormai soltanto una devozione al Dio Capitale lo compiamo tutti, Atei e Cristiani, accomunati dal desiderio del sorriso dei nostri figli che possono sentirsi grazie a questo UGUALI agli altri.

Siamo disposti a soffrire, certo! Ma guai se i nostri figli si sentono esclusi o inferiori a causa delle nostre credenze. Non capirebbero. E noi sembreremmo soltanto dei miserabili.

Finanziamo il capitalismo distruggendo la nostra salute. Consumando tabacco, per esempio, che non conosce ideologie.

Nessuno ha il coraggio di dire che fumare sigarette è un modo FASCISTA di stare al mondo!

Ma anche consumando droghe, come l’hashish, droga “buona e illuminata” (?!?), che fa parte del “Movimento”…

Senza pensare CHI GUADAGNA da questo consumo.

Oppure usiamo cosmetici di tutti i tipi e di tutti i colori, senza chiederci a che serve se non a un ideale insensato di bellezza. Sempre per adeguarsi all’immagine NORMALE del corpo …

Allora AVANTI nel DELIRIO del consumo!

E il cambiamento?

Dovremo aspettare LA CRISI!

Tenerci buoni i nostri buoni propositi, cercare di costruire PICCOLE ISOLE di felicità, e aspettare che le nostre auto possano funzionare per 1 milione di kilometri senza avere più bisogno di consumarle e buttarle via.

Un’altra utopia?

Certo! Tanto, una vale l’altra …

Almeno così cerco di stare bene OGGI!

Facendo finta di non sapere che il mio frigo è pieno delle sofferenze di un grande mondo dimenticato …

O no?

🙁

Un Clic QUI per leggere e scaricare La Ragnatela del Grillo !

Be Sociable, Share!

Facebook comments:

Usa un indirizzo email valido e raggiungibile. Grazie