Ma Berlusconi è matto?

Da qualche tempo seguo il blog del Tafanus

E il 14 Dicembre Tafanus pubblica un articolo dal titolo:

In questa storia di Berlusconi aggredito c’è di mezzo un “disturbato”. Lo dice un grande psichiatra

nel quale si sostiene che Berlusconi è afflitto da manie di grandezza e “egocentrismo smisurato“.

Parola del noto psichiatra Luigi Cancrini

Ecco il mio commento:

***

Io ci penserei due volte prima di fare certe affermazioni.
Ricordiamoci che ciò che noi vediamo di Berlusconi è la sua PUBBLICA IMMAGINE.Se tanto mi dà tanto l’immagine di Berlusconi è costruita a tavolino come la pubblicità.
I maghetti della comunicazione della destra mica si fanno tanti scrupoli, come quelli della sinistra, che per altro fanno poco e niente e quel che fanno lo fanno male.

L’immagine di Berlusconi sembra creata apposta per permettere l’IDENTIFICAZIONE.
Infatti incarna uno stereotipo dopo l’altro: il grande MACHO, il grande imprenditore, una specie di semidio.

Tutti quelli che da piccoli hanno creduto a Babbo Natale sono portati a credere anche a lui.

***

Il giorno dopo, sempre sul Tafanus appare un nuovo articolo di Don Paolo Farinella che ripropone la stessa solfa:

ATTENTATO ! – di Paolo Farinella, prete

dove si scrive, tra l’altro:

Tutto si consuma tra due pazzie, ma con una differenza. L’uomo malato è in cura psichiatrica da dieci anni; il folle sul palco è al governo dell’Italia.

Molti utenti del Tafanus applaudono, ma il mio commento suona così:

***

Amen un corno!

Scusate tanto ma continuare con questa panzana del folle che guida la nazione è una grande ingenuità
Berlusconi è un ingranaggio di un sistema costruito e oliato da anni per ipnotizzare la nazione.

Sono molti purtroppo che si IDENTIFICANO con il personaggio. L’ho già scritto a proposito dell’altra idea altrettanto riduttiva di Cancrini.

Il carattere italiano stupidino spiritosino che fa le corna dietro alle foto che se ne fotte di tutti i potenti, burino e bauscia, capace di attrarre odio e passioni, simpatie e antipatie, ma tutto estremo, tutto forte.
La belle donne, i soldi, ci sono tutti gli ingredienti per creare un mito e per incantare le masse.
Studiamo un poco i miti amati dalle folle: Valentino Rossi, per esempio, capace di grandi show, o lo stesso Obama, capace di vendere il colore della sua pelle come la più grande delle qualità …

Quando sembra indebolirsi la figura del martire arriva precisa precisa per indossare una veste buona e diventare più cattivo.

Iniziare a pensare che il folle che lo ha colpito è solo un uomo del popolo che incarna lo spirito del tempo, una scheggia impazzita che, tuttavia, è solo un folle di fronte a un altro folle, è pura ingenuità.

E’ soltanto una caduta grossolana nelle strumentalizzazioni e nelle trappole che questo episodio offre a Berlusconi e a tutta la sua corte.
Saranno mica TUTTI MATTI?

P.S. Scusate se rompo …

***

e poco dopo aggiungo:

***

Ma che matto d’egitto?

Andate a visitare un reparto psichiatrico!

Trovatemi un matto che abbia la minima speranza di accumulare ricchezze e potere in un modo simile.

Berlusconi è matto di quella follia “ottima” che fa dire all’Italiano W LA PAZZIA e VAFFANCULO a tutte le regole le leggi e quei coglioni che le rispettano!

E hai fotografato l’Italia e gli italiani!

***

Oggi poi c’è un nuovo articolo sul Tafanus:

don Aldo Antonelli, Alessandro Stille, e il “Partito dell’Amore”

che riporta anche un articolo di Alexander Stille, apparso su Repubblica il 18 Dicembre dal titolo: LA POLITICA DELL’ODIO.

Stille afferma cose sacrosante, tra cui:

Berlusconi ha cambiato il lessi­co della politica italiana, introdu­cendo il linguag­gio privato, quel­lo del bar e della rissa in casa nella sfera pubblica. Ha dato dei «co­glioni» agli eletto­ri del centrosinistra, ha chiamato «stronzate» le paro­le del suo avversario politico, Romano Prodi, «criminoso» il giornalismo di Enzo Biagi, Marco Travaglio e Miche­le Santoro. I magistrati sono «matti» e «mentalmente disturbati». L’ex presi­dente della Repubblica Scalfaro è un «serpente» e un «traditore».

Il mio commento riguarda qualcosa più generale della critica politica dei nostri giorni:

***

Certo Berlusconi trasforma la politica in tifo da stadio.

Ma la sinistra cade in questo tranello stupido, scadendo a un livello che infanga la sua storia.

Un esempio? Proprio qui, in alto a sinistra, c’è un piccolo banner:

“AFFONDIAMO IL NANO”

Cosa ci hanno fatto i nani di male?
Non ci si rende conto che questi apprezzamenti sono di tipo razzista, tipici del bullismo.
Non sono politica, tanto meno buona politica e neanche satira.

E’ soltanto uno scendere al basso livello di una destra storicamente discriminatoria verso i più deboli.

Che fastidio che provo quando leggo dello “psiconano” o del nano.

Come dare del ciccione a Ferrara, per non parlare di Brunetta …
http://lanazione.ilsole24ore.com/2008/10/23/127572-offese_alema_brunetta.shtml

Come facciamo poi a marcare un confine tra democrazia e inciviltà?
Restiamo facile bersaglio di una destra che è criticabilissima per 1000 altri motivi.

Ma per favore, criticare per gli attributi fisici di qualcuno lasciamolo fare a fascisti e reazionari!

O no?

🙂

***

Ok, per oggi basta.


Vai alla Home Page

Be Sociable, Share!

Un pensiero su “Ma Berlusconi è matto?

Usa un indirizzo email valido e raggiungibile. Grazie